Bangalley House

Scarica pdf
Location
Sydney - quartiere di Avalon
Architetto
Casey Brown Architecture
Prodotti usati
Corso Terra BBCorso SelmoCorso Selmo MIBCorso Selmo LOFS

The Italian job: ecco come i mattoni hanno valorizzato un nuovo edificio di Sydney

L’architetto che ha ideato questa straordinaria straordinaria residenza nel nord di Sydney confessa che il segreto del successo di Bangalley House sta proprio nei mattoni italiani.

Quando i titolari di una modesta proprietà di Avalon, un quartiere di Sydney che si affaccia sulla spiaggia, hanno deciso di demolire la loro casa e di commissionarne una nuova, sapevano bene che cercare di competere con la location mozzafiato sarebbe stato inutile.

“Quasi ogni edificio sul promontorio di Sydney attira l’attenzione, e spesso lo fa a discapito dell’area circostante,” dice l’architetto Rob Brown di Casey Brown. “E questo è ciò che i clienti non volevano. Hanno richiesto qualcosa che fosse modellato sul paesaggio.” 

//images.ctfassets.net/7wh6odkacelv/1BsZDzjGgRj3FHOjAJ9PvQ/c217ed6b4554935d14da3c39ed6b0742/bangallery-house-02.jpg

La linea Corso in armonia con il paesaggio

Grazie ad un processo durato anni, Brown ed i suoi clienti sono riusciti a concettualizzare scrupolosamente una casa che fosse in armonia con le coste frastagliate del promontorio e che rispettasse la topografia e le caratteristiche naturali del sito. Gli antichi alberi ed i massi disseminati all’interno della proprietà dovevano rimanere al loro posto ed il terreno non doveva essere in alcun modo livellato. 

Il risultato è un edificio che possiede una serie di padiglioni a scalinata, sovrapposti, uniti: ognuno coperto dal distintivo mattone Corso S.Anselmo in versione scura. 

Il mattone Corso è più lungo e sottile rispetto alla sua controparte australiana, e questo aiuta a conferire alla residenza di Avalon un look europeo

Il punto di vista degli architetti

“I mattoni della linea Corso di S.Anselmo sono anche cotti incredibilmente bene” dice Brown “Questo permette loro di essere estremamente resistenti anche all’aria salina, oltre a donare piacevolissimi toni fumosi alla loro texture, aiutandoli ad amalgamarsi con le scogliere e rocce di arenaria e scisto che compongono il paesaggio.”

Per i muri interni, Brown ed i proprietari della casa hanno optato sempre per i nostri mattoni Corso, ma questa volta nella loro versione bianca. “Eravamo entusiasti di mantenere il distintivo formato di questo mattone e preservare la sensazione di continuità”, precisa Brown. 

“I mattoni bianchi creano un contrasto delizioso con i fumosi neri e grigi della parte esterna. Inoltre, ogni mattone possiede una patina singolare ed individuale che permette alle pareti di raccontare splendide storie al muoversi della luce intorno alla casa nei vari momenti del giorno.”

Ad esaltare ulteriormente l’ambiente interno ci pensano i soffitti a pannelli composti da legno sud americano dal colore ricchissimo, e le pavimentazioni di pietra italiana. “Le lastre del pavimento sono un conglomerato italiano, si tratta cioè di un tipo di pietra composta da una serie di altre pietre, tutte cementate assieme naturalmente” spiega Brown. “Così come i mattoni, ogni pezzo del pavimento è unico, conferendo agli interni autenticità e consistenza.”

//images.ctfassets.net/7wh6odkacelv/71SaMmFk4pbYbq2UemlFN7/cd03046b16880f479edc00a6458985b8/bangallery-house-04.jpg

Un materiale insostituibile

Il team di Casey Brown sapeva fin da subito che le pareti di mattoni sarebbero state una caratteristica importante per la residenza di Avalon. Ma il “mattone perfetto” sembrava essere sfuggente, fino al giorno in cui un membro dello staff di Brown, andando a lavoro, è casualmente passato davanti allo showroom di Brickworks nel distretto centrale di Sydney.

Brown ricorda: “è venuto da me è mi ha detto: ‘Ho appena visto dei mattoni incredibili. Sembrano tronchi di carbone.’ Quindi siamo tornati allo showroom, dove ci hanno comunicato che i mattoni non sarebbero stati disponibili per altri 9 mesi - quelli nello showroom erano solo un paio di campioni. Noi abbiamo comunque deciso che avremmo dovuto averli”. 

Ora che il progetto è completo, Brown dice: “Sarebbe difficile immaginarlo costituito da un altro materiale.” Aggiunge: “Le pareti esterne necessitavano di una certa forza e robustezza, e questi mattoni ci hanno permesso di arrivare a questo risultato”.